Come fare un Buon Imballaggio quando si deve Cambiare Casa



Tempo di cambiare casa? Oltre a scegliere una buona ditta di traslochi a Roma, c’è ancora tanto che dovete fare. Come, ad esempio, preoccuparvi di un idoneo imballaggio, a meno che non abbiate intenzione di ricorrere all’aiuto di un operatore esterno.

Per esempio, è buona abitudine iniziare a fare i bagagli in anticipo, considerato che l’imballaggio richiede sempre più tempo del previsto. L’occasione sarà utile per potervi disfare di tutti gli oggetti indesiderati: sul web trovate siti utili per poter vendere ciò che non vi serve più e guadagnare così del denaro con i vostri articoli indesiderati.

Chiarito quanto sopra, impiegate un po’ di tempo nel comprendere come imballare i vostri beni. Camminate in ogni stanza con attenzione, facendo un calcolo approssimativo di quante scatole potreste aver bisogno. Iniziate dalla parte superiore della casa e procedete gradualmente verso il basso: prima di iniziare a imballare, assicuratevi di avere a portata di mano tutto il materiale di imballaggio, come le scatole, il nastro, la penna, la carta da imballaggio, le buste con le bolle d’aria, e e così via. Come potete ben immaginare, l’uso di scatole di dimensioni corrette renderà la vostra vita molto più semplice!



Tra gli altri consigli che ci sentiamo di condividere con voi, anche se possono sembrare banali, non possiamo che fare un cenno alla necessità di impacchettare gli oggetti più pesanti nella parte inferiore della scatola, lasciando invece gli oggetti più leggeri in cima. Riempite sempre la scatola fino alla fine, evitando invece di riempire le scatole a metà; una volta impilate l’una sull’altra potrebbero indebolire quelle sotto.

Ancora, non rendete mai le scatole così pesanti da non poter essere sollevate in sicurezza. Se stanno diventando pesanti mentre li state impacchettando, provate a riempire il resto della scatola con oggetti leggeri come lenzuola, asciugamani, cuscini o giocattoli morbidi.

Man mano che imballate, seguite un’organizzazione razionale, facendo un inventario che possa aiutarvi nel tenere traccia di ciò che state mettendo in ogni scatola. Se possibile, provate a mettere in piedi degli oggetti, come i piatti sulla estremità della scatola.

Infine, sulla superficie della scatola scrivete chiaramente in quale stanza volete che finisca la scatola. Se lo farete in maniera molto evidente, il team della ditta che si occuperà del trasloco potrà prendere visione di tali dati sapendo che queste sono le vostre istruzioni.

Vi ricordiamo inoltre di chiudere le scatole usando sempre un nastro di buona qualità. Il nastro standard corre il rischio di non essere abbastanza forte, con il pericolo che le scatole possano aprirsi durante il trasloco.

A questo punto, non possiamo che invitarvi a ritagliarvi qualche giorno in più di tempo per l’imballaggio: un’attività che vi richiederà particolare attenzione, e che sarebbe opportuno affrontare con la giusta calma e consapevolezza. Se poi volete evitare di occuparvene, sappiate che molte ditte di traslochi si occuperanno anche di questo aspetto: provate a parlarne con loro, esprimendo questo vostro desiderio e domandando un preventivo su questa opzione aggiuntiva.