Il Linguaggio ed il Significato dei Fiori



Ogni diversa tipologia di fiori conserva uno specifico significato e un linguaggio a sé, un particolare conosciuto dai più esperti e appassionati, tutto da scoprire invece per chi si addentra in questo mondo per la prima volta. I fiori esprimono sentimenti a seconda della loro denominazione, colore e specie, ottimi per rapportarsi a regali in qualsiasi occasione. Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire il linguaggio e il significato dei fiori, soffermandoci sulle diverse tipologie e contesti.

 

Origini del Linguaggio e Significato dei Fiori

Le diverse tipologie di fiori integrano un linguaggio e un significato strettamente differente a seconda della tipologia e del contesto dove si intende impiegarli. Alla base del linguaggio dei fiori, denominato florigrafia, si trova un impiego originatosi durante il corso dell’Ottocento e del romanticismo, nonostante sin dai tempi antichi del Medioevo e del Rinascimento si trovino diverse attribuzioni e cenni a significato floreale, proveniente anche dalla tradizione giapponese.

I fiori che si rifanno al significato dell’amicizia si dimostrano essere il Glicine, la Fresia, il Fiordaliso, il Mughetto, l’Acacia e la Gardenia. Il Garofano Rosso e la Camelia esprimono invece un concetto di ammirazione, mentre il classico simbolo dell’amore è rappresentato dalle rose rosse, dal tulipano rosso, dal Garofano rosa, dall’Ibisco e dalla Primula. Calla, Orchidea e la Rosa Muschiata si incentrano invece sul significato della bellezza.

Il Ciclamino e la Lavanda esprimono diffidenza, il Garofano Bianco, l’Edera e la Violetta si regalano per esprimere la propria fedeltà al partner. Il Narciso, il Fiordaliso e la Peonia simboleggiano la felicità, così come l’Uva Spina. Regalando Gladioli, Ginestre, Crisantemo o Mimose si trasmetterà un senso di forza, a differenza della Bocca di Leone, Ortensia e Narciso che esalteranno invece concetti di indifferenza e freddezza.



Volendo chiedere perdono si potrà optare per fiori quali Anemoni, Giacinto, Peonie e Calendule. Maggiormente conosciuto invece il Giglio Bianco a sinonimo di purezza e delicatezza, allo stesso modo della Rosa, del Lillà, della Margherita.

Anche il numero influisce sul significato. Quando si regala un particolare tipo di fiore, il numero dei pezzi regalati permette di cambiare il messaggio che si vuole inviare. Facciamo l’esempio delle rose. Quando si desidera comunicare in una coppia, per la prima volta, il Ti Amo, il numero di rose da regalare è tre. Questo perchè il tre raffigura, da sempre, il numero perfetto e la rosa è associata al simbolo del momento indimenticabile e romantico. Per approfondire l’argomento consigliamo la lettura di un articolo di Giardinotop su quante rose regalare.

 

Libri che spiegano il Linguaggio dei Fiori

Per approfondire il significato dei fiori ci si potrà avvalere di diversi supporti letterari disponibili in commercio. Tra questi il volume specifico Il linguaggio dei fiori di Charlotte de Latour, una delle versioni più classiche riferite al campo dei significati floreali, edito nel 1800, impreziosito dalla presenza all’interno delle tavole floreali di Pancrace Bessa.

Un altro volume letterario altrettanto valido si dimostra essere Linguaggio Dei Fiori di Veronica Pellegrini, integrando 300 diverse tipologie di fiori racchiusi in un duplice elenco, ordinati in ordine alfabetico al fine di semplificare la ricerca. Oltre alle denominazioni e al significato dei fiori si trovano anche diversi aneddoti, leggende e curiosità in grado di rendere tale volume unico nel suo genere.

In versione ebook invece si potrà scaricare Linguaggio e significato dei fiori di Daphne and Cloe, ricco di approfondimenti per accrescere le proprie conoscenze in termini di significati e origini. Il mondo dei fiori e il proprio significato si dimostra estremamente ampio e vario, integrando qualsiasi aspetto della vita comune a livello di sentimenti.