Risparmiare Corrente Elettrica



Esistono molti modi per iniziare a risparmiare corrente elettrica, ecco alcuni suggerimenti facili da applicare e che consentono subito un risparmio.

Il primo consiglio è, se dovete comprare elettrodomestici, ad esempio per una casa nuova, acquistare quelli a basso consumo, basta richiedere in negozio e si possono trovare ottimi elettrodomestici che non fanno spendere troppo.

 

risparmiare corrente elettrica

 

Ovviamente il consiglio è valido anche se in casa avete elettrodomestici vari da sostituire, sembra qualcosa di scontato ma non tutti pensano all’acquisto in base al basso consumo, sembra a molti un’opzione scontata ma purtroppo esistono in commercio elettrodomestici che non funzionano a basso consumo, per cui è sempre meglio informarsi prima.

La lavatrice. Tra gli elettrodomestici è uno di quelli che si utilizza di più, quindi anche una fonte importante per il consumo di corrente. Per poter risparmiare corrente elettrica, il primo consiglio è di non utilizzare la lavatrice per lavare pochi capi ed utilizzare soluzioni che permettono di lavare bianchi e colorati insieme, in un unico lavaggio. Anche questo sembra un consiglio scontato, ma molte volte si carica la lavatrice quando i capi da lavare non sono molti, sprecando così corrente per nulla. Se sono veramente pochi li si può lavare a mano, oppure basta attendere di averne a sufficienza per fare il carico pieno della lavatrice. Inoltre, in commercio esistono varie soluzioni per poter lavare bianchi e colorati insieme, ad esempio con delle pezzuole che, inserite nel cestello, catturano l’eventuale colore che potrebbe fuoriuscire (specie nei capi nuovi e solitamente quelli di colore rosso) in modo che non macchino gli altri. In tal modo sarà possibile fare una sola lavatrice anziché due, con un notevole risparmio.



In tutta Italia e a seconda dell’ente gestore dell’energia sono in vigore delle fasce orarie in cui è più conveniente fare la lavatrice. Basta informarsi (può cambiare da gestore a gestore) e programmare il bucato in quelle ore, evitando di fare la lavatrice quando l’energia costa di più.

Frigorifero e forno. Anche con questi elettrodomestici è possibile risparmiare corrente elettrica, usando il forno con moderazione (se siete in montagna o campagna, potete utilizzare il classico focolare a legna, non spendendo nulla in energia elettrica) e spegnendolo prima della cottura ultimata dei cibi, poiché il calore continua a “lavorare” per un po’ anche se il forno è stato spento. Il frigo non deve essere aperto di continuo (altrimenti si aziona continuamente anche la valvola di ventilazione che consuma energia) e soprattutto per quest’ultimo, sempre acceso, è importantissimo sceglierlo a basso consumo.

Per ridurre ulteriormente i costi, si può pensare anche di installare dei pannelli solari sul tetto, capaci di fornire energia gratuita e pulita. La possibilità ovviamente varia a seconda se la persona vive da sola o in un condominio (ma anche in questo caso, ci si potrebbe accordare per le spese), un po’ in tutta Italia inoltre, periodicamente, vengono resi disponibili contributi da parte di Regioni o Province proprio per l’installazione di impianti di questo genere. Basta informarsi presso gli uffici competenti di queste realtà, scoprire se esistono contributi e valutare se è possibile usufruirne.

Un consiglio semplice ma poco rispettato: spegnere le luci. Quando non servono in un certo ambiente della casa (o dell’ufficio) non lasciatele accese per nulla. Anche con questi piccoli gesti si inizia a risparmiare.



Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi